Uniti contro l'AIDS

Uniti contro l'AIDS
Uniti contro l'AIDS
Uniti contro l'AIDS
Avere un’infezione oggi può ancora costituire un problema i cui effetti si riverberano nell’accesso alle cure. Talvolta, infatti, permangono pregiudizi culturali e difficoltà pratiche che possono ostacolare la conduzione di una serena esistenza da parte delle persone che vivono con un’infezione, in tutti gli ambiti in cui si svolge la vita sociale.

In questa sezione puoi trovare l'elenco delle ONG e delle Associazioni impegnate nella lotta all'AIDS; informazioni su ciò che dice la legge per la tutela dei diritti delle persone direttamente o indirettamente coinvolte nelle Infezioni a Trasmissione Sessuale con particolare riferimento all'HIV; informazioni generali sulle terapie; approfondimenti nel campo della genitorialità; indicazioni sui Centri specializzati che forniscono cure e assistenza per le Infezioni a Trasmissione Sessuale, per l'HIV e l'AIDS, per le Epatiti Croniche.red ribbon

 

HIV e salute

Salute HIVIl progresso farmacologico ed i cambiamenti intervenuti nella società negli ultimi 20 anni, hanno comportato numerosi miglioramenti nella vita delle persone sieropositive. La principale questione in Occidente e in Italia, oggi, non è più la sopravvivenza, ma la costruzione e ricostruzione di un’esistenza quotidiana, con i suoi bisogni affettivi, familiari e lavorativi.
E' proprio parlando di integrazione sociale che sorgono le principali criticità, legate, il più delle volte, alle difficoltà che la persona HIV+ inizia ad incontrare in molti contesti in cui si esplica la vita di relazione.
Il pregiudizio e l’ostilità caratterizzano la percezione generale che la società ha di questa patologia, manifestandosi talvolta, già all’interno delle Strutture sanitarie pubbliche e private, presso le quali la persona con HIV si reca per ricevere cure. Qui è possibile rinvenire un paradosso: le prime e spesso più pesanti discriminazioni subite dalle persone sieropositive a volte hanno luogo proprio nei luoghi in cui più diffusa dovrebbe essere la conoscenza della patologia, e dunque più accogliente l’atteggiamento di chi è preposto all’assistenza e alla cura dei pazienti. 
Le carenze formative di una parte del personale sanitario, unite ad una gestione dei dati sensibili non sempre conforme alle disposizioni vigenti in tema di tutela della riservatezza, possono determinare inefficienze e violazioni anche gravi dei diritti dei pazienti, con serie ricadute sulla propensione di questi a rivolgersi alle Strutture sanitarie. Di conseguenza potrebbe verificarsi un aumento del numero di persone non aderenti alle terapie, che nel tempo potrebbero sviluppare resistenze ai farmaci e altre problematiche, con il rischio di un aumento di ospedalizzazione e dei costi per il sistema sanitario. 
Soltanto attraverso un costante lavoro di sensibilizzazione e formazione del personale, anche amministrativo, operante all’interno delle strutture sanitarie, sarà possibile contrastare efficacemente tale tendenza. 
In questa prospettiva, è fondamentale che l’informazione, specie quella istituzionale proveniente dagli organi preposti alla tutela della salute pubblica (Ministero della Salute, Regioni e Istituto Superiore di Sanità), sia coerente, completa ed accessibile; ciò attraverso un quadro chiaro delle norme che regolano, in primo luogo, l’accesso alle cure e il trattamento dei dati sensibili degli utenti dei Servizi sanitari.
Inoltre, pur riconoscendo a ciascuna malattia e a ciascun gruppo di persone con bisogni di salute le proprie peculiarità, è importante evitare di creare inutili disparità nel trattamento delle diverse patologie sotto ogni altro punto di vista.
E’ dunque fondamentale diffondere una cultura dell’inclusione nella quale l’HIV/AIDS sia percepita per ciò che realmente è, cioè una patologia come le altre. Di conseguenza le persone sieropositive non sono riconducibili a particolari "categorie" ne' sono portatori di “responsabilità” di alcun genere.

Glossario

Telefono Verde AIDS e IST

800 861 061

Servizio nazionale di counselling telefonico sull'infezione da HIV, sull'AIDS e sulle Infezioni Sessualmente Trasmesse

counselling telefonico AIDS, HIV e IST
Non esiste prevenzione senza informazione


Per qualsiasi dubbio rivolgiti al Telefono Verde AIDS e IST, dal lunedì al venerdì, dalle ore 13.00 alle 18.00

Gli esperti rispondono anche in inglese 

Un consulente in materia legale risponde il lunedì e il giovedì, dalle ore 14.00 alle 18.00
 

There is no prevention without information
If you have any doubt, call the AIDS and STDs Helpline
The Service is free and anonymous, active from Monday to Friday from 1 p.m. to 6 p.m.

A legal expert will be available on Mondays and Thursdays from 2 p.m. to 6 p.m.

 

Chiama ora 800861061