Uniti contro l'AIDS

Uniti contro l'AIDS
Avere un’infezione oggi può ancora costituire un problema i cui effetti si riverberano nell’accesso alle cure. Talvolta, infatti, permangono pregiudizi culturali e difficoltà pratiche che possono ostacolare la conduzione di una serena esistenza da parte delle persone che vivono con un’infezione, in tutti gli ambiti in cui si svolge la vita sociale.

In questa sezione puoi trovare l'elenco delle ONG e delle Associazioni impegnate nella lotta all'AIDS; informazioni su ciò che dice la legge per la tutela dei diritti delle persone direttamente o indirettamente coinvolte nelle Infezioni a Trasmissione Sessuale con particolare riferimento all'HIV; informazioni generali sulle terapie; approfondimenti nel campo della genitorialità; indicazioni sui Centri specializzati che forniscono cure e assistenza per le Infezioni a Trasmissione Sessuale, per l'HIV e l'AIDS, per le Epatiti Croniche.red ribbon

 

L’accesso alle cure della persona straniera

  Guida migrantiIl fenomeno dell’immigrazione in Italia ha assunto una dimensione sempre più massiccia a partire dagli anni ’70 del XX secolo, ponendo per la prima volta l’attenzione del legislatore sull’assistenza sanitaria agli stranieri.
Nel nostro Paese il percorso verso il riconoscimento della persona straniera come soggetto di diritto, al quale assicurare le cure mediche, inizia negli anni ’80. Tale percorso vede un momento di svolta fondamentale nel 1998, quando il legislatore amplia il diritto di accesso alle cure, estendendo allo straniero presente sul territorio italiano (anche se non in regola) i programmi di medicina preventiva, particolarmente rilevanti nel contrasto dell’infezione da HIV e delle Infezioni Sessualmente Trasmesse in genere.

Negli anni successivi si è cercato di consolidare progressivamente l’obiettivo di una maggiore salvaguardia dei soggetti deboli e nello specifico degli immigrati, considerando la tutela della salute come un momento essenziale del percorso di integrazione.

La sfida per le istituzioni coinvolte è particolarmente difficile, perché il diritto alla salute, anche se riconosciuto dalla Costituzione (art. 32), come diritto di tutti gli individui, e non solo quindi dei cittadini, deve poi essere declinato in una realtà caratterizzata dalla regionalizzazione dei servizi sanitari, con evidenti ricadute sul piano dell’uniformità con cui tale tutela viene assicurata.

In tale prospettiva, è stata fondamentale l’approvazione, nel 2013, di un Accordo tra Stato e Regioni finalizzato ad assicurare la parità di trattamento, a livello nazionale, tra il cittadino italiano e la persona straniera, anche se priva del permesso di soggiorno.

Al fine di promuovere l’acquisizione di una maggiore consapevolezza delle norme vigenti, ed in considerazione del crescente numero di stranieri presenti nel nostro Paese, il Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate dell’Istituto Superiore di Sanità, avvalendosi dell’apporto di esperti e ricercatori del settore, ha realizzato la Guida operativa L’accesso alle cure della persona straniera II Edizione rivolta agli operatori sanitari, che è attualmente alla sua seconda edizione.

La nuova edizione si è arricchita, nella sezione dedicata ai cittadini dell’UE e della EEA, di una trattazione sulle nuove disposizioni vigenti in materia di assistenza transfrontaliera.
Sono stati infine inseriti riferimenti ai principali centri per l’immigrazione, distinguendoli per tipologia e funzioni.

Attraverso questa Guida si intende divulgare una maggiore conoscenza dei diritti alla salute delle persone straniere, fornendo a loro e al personale socio-sanitario, un valido strumento operativo per la comprensione del quadro normativo vigente e delle procedure da attivare per consentire un più agevole accesso alle cure ed una reale tutela dei diritti riconosciuti alla persona straniera presente sul nostro territorio.

Glossario

Telefono Verde AIDS e IST

800 861 061

Servizio nazionale di counselling telefonico sull'infezione da HIV, sull'AIDS e sulle Infezioni Sessualmente Trasmesse

counselling telefonico AIDS, HIV e IST
Non esiste prevenzione senza informazione


Per qualsiasi dubbio rivolgiti al Telefono Verde AIDS e IST, dal lunedì al venerdì, dalle ore 13.00 alle 18.00

Gli esperti rispondono anche in inglese 

Un consulente in materia legale risponde il lunedì e il giovedì, dalle ore 14.00 alle 18.00
 

There is no prevention without information
If you have any doubt, call the AIDS and STDs Helpline
The Service is free and anonymous, active from Monday to Friday from 1 p.m. to 6 p.m.

A legal expert will be available on Mondays and Thursdays from 2 p.m. to 6 p.m.

 

Chiama ora 800861061