Uniti contro l'AIDS

Uniti contro l'AIDS
Uniti contro l'AIDS
Uniti contro l'AIDS

In questa categoria

Ti potrebbe interessare

Ultimo aggiornamento

  • 6 marzo 2014

Novità dal CROI 2014

CROI 2014Terapie innovative contro l'Epatite C
Nell'ambito del CROI 2014 di Boston è stata conferita particoalre attenzione all'infezione da HCV. Tra i numerosi interventi su questa tematica molti hanno riportato terapie innovative ad alta efficacia e con effetti collaterali ridotti. In particolare, i nuovi farmaci messi a punto consentono di evitare l'assunzione di Interferone-alfa, farmaco che per anni ha rappresentato, insieme alla Ribavirina, l'unica terapia anti-HCV ma che non risulta efficace in tutti i pazienti e causa effetti collaterali. Tra questi farmaci, il Sofosbuvir è stato già approvato in USA e in Europa mentre il Simeprevir, approvato in USA, a breve sarà approvato anche in Europa. Questi trattamenti innovativi risultano inoltre efficaci anche nelle persone con coinfezione HIV/HCV. Infine, uno studio dell'NIH (National Institut of Health) Statunitense (SINERGY) ha mostrato l'efficacia di una triplice terapia combinata anti-HCV composta da 2 capsule al giorno effettuata solo per 6 settimane. Questi studi indicano che oggi, analogamente all'HIV,  l''Epatite C  può essere curata efficacemente con una combinazione di nuovi farmaci con diverso meccanismio di azione,con notevole riduzione dei tempi della cura e degli effetti collaterali. Nonostante gli elevati costi dei nuovi farmaci, la possibilità di accorciare notevolmente i tempi della terapia potrà comunque consentire un risparmio per la collettività. La terapia utilizzata sino ad oggi, che include sempre l'Interferone alfa e la Ribavirina in associazione con un inibitore delle proteasi di HCV, deve essere effettuata per circa 12 mesi con risultati non omogenei per tutti i pazienti.

Prospettive nella vaccinazione contro il Papilloma virus
Il vaccino anti-HPV, attualmente consigliato e gratuito in Italia per le ragazze, è efficace e andrebbe esteso anche a ragazzi di sesso maschile per la prevenzione dei tumori dell'ano e della orofaringe (gola) che sono correlati con il virus. Attualmente solo il vaccino quadriravalente Gardasil è approvato per i maschi anche se per questo sesso non sono state promosse specifiche campagne di prevenzione vaccinale da parte delle Istituzioni Sanitarie. Inoltre, studi recenti hanno mostrato che i due vaccini attualmente in uso (bivalente e quadrivalente) inducono una risposta anticorpale molto forte anche utilizzando solo 2 dosi invece delle tre raccomandate. Sono attualmente in studio vaccini di seconda generazione che coprono molti più ceppi di HPV, uno nonavalente (nove tipi di virus) e uno definito "pan-HPV" perchè diretto contro una proteina (capside) presente in tutti tipi di  virus. La diffusione di questi nuovi vaccini potrebbe consentire nelle donne  e negli uomini una efficace prevenzione dei condilomi e dei tumori maligni associati al virus HPV.

Segnalazione di epidemia di epatite C acuta tra uomini che hanno rapporti con uomini 
Negli ultimi anni sono in aumento i casi di infezione acuta da Epatite C acuta negli uomini che riportano rapporti sessuali omosessuali. La trasmissione avviene attraverso rapporti anali non protetti dal preservativo, anche in presenza di sex-toys  e sostanze eccitanti locali. Per tale ragione si dovrebbe diffondere queste informazioni nell'ambito delle comunità di uomini omosessuali anche per l'elevato rischio di cronicizzazione dell'infezione (intorno al'80%) che porta a danni irreversibili del fegato (cirrosi), incluso il rischio di Carcinoma. E' quindi opportuno per chi riferisce rapporti omosessuali non protetti l'effettuazione di screening per la diagnosi di HCV, in quanto, se diagnosticata precocemente, l'infezione può essere efficacemente trattata, risucendone anche il rischio di diffusione nella popolazione.

Epatite E
Da anni considerata molto simile all'Epatite A,  l'Epatite E, a trasmissione oro-fecale,è prevalente nei paesi Asiatici e generalmente non tende a cronicizzare. Ultimamente sono stati segnalati casi anche nei paesi occidentali, probabilmente a causa dell'aumentato scambio internazionale di carne suina, e casi di infezione sono stati contratti in seguito a rapporti oro-anali, Poichè l'infezione da Epatite E può cronicizzare nei pazienti immunodepressi, come nel casi più gravi di di infezione da HIV/AIDS, se ne raccomanda una adeguata sorveglianza e la promozione di informazione riguardo i comportamenti a rischio.
caratteri rimanenti: 1500

AVVISO: la pubblicazione del commento è subordinata al rispetto delle Regole per l'inserimento dei commenti. Ai sensi del DLgs 196/03 il vostro indirizzo mail non sarà reso pubblico né utilizzato per fini diversi dalla spedizione della nostra newsletter.

Dichiaro di aver preso visione delle regole

Grazie per aver lasciato il tuo commento

In questa categoria

Ti potrebbe interessare

Ultimo aggiornamento

  • 6 marzo 2014

Glossario

Telefono Verde AIDS e IST

800 861 061

Servizio nazionale di counselling telefonico sull'infezione da HIV, sull'AIDS e sulle Infezioni Sessualmente Trasmesse

counselling telefonico AIDS, HIV e IST
Non esiste prevenzione senza informazione


Per qualsiasi dubbio rivolgiti al Telefono Verde AIDS e IST, dal lunedì al venerdì, dalle ore 13.00 alle 18.00

Gli esperti rispondono anche in inglese 

Un consulente in materia legale risponde il lunedì e il giovedì, dalle ore 14.00 alle 18.00
 

There is no prevention without information
If you have any doubt, call the AIDS and STDs Helpline
The Service is free and anonymous, active from Monday to Friday from 1 p.m. to 6 p.m.

A legal expert will be available on Mondays and Thursdays from 2 p.m. to 6 p.m.

 

Chiama ora 800861061